Come non gestire una Pagina Facebook

Sei un piccolo imprenditore e puoi gestire da solo la pagina Facebook aziendale. Certo, questo ti permette di risparmiare costi per il personale. Sei tu che conosci le dinamiche aziendali, il prodotto o il servizio che offri, chi meglio di te saprebbe comunicarlo?

Fin qui tutto giusto! Dunque non ti serve una mano e ottieni ottimi risultati con il tuo operato. Ma hai tutto il tempo a disposizione per farlo?

“Sì, in maniera sistematica e la pagina continua a crescere, mentre faccio l’imprenditore”

– Ti dico, allora, “Complimenti!”

“Sì, ma non riesco ad aggiornare sempre la pagina”

– Ti dico, che così probabilmente non otterrai buoni risultati, piuttosto quello che riuscirai a fare non sarà altro che una perdita di tempo, perché? Te lo spiego subito.

Gli utenti che seguono la pagina aziendale sono fedeli alle proposte che di tanto in tanto vengono mostrate, esse sono in grado di creare un “legame”, una relazione con gli utenti che seguono e “vogliono” rimanere aggiornati su cosa c’è di nuovo o in che modo possono risolvere i propri problemi.

Hai pianificato le informazioni giuste da fornire? Il tuo tempo non può mettersi tra la tua azienda e il tuo potenziale cliente… ne guasterebbe il rapporto… Pensa a quando un amico ti dice “Ci vediamo poco” e gli rispondi che non hai tempo, quel rapporto, se non è solido, tenderà con il tempo ad allentarsi, proprio come il tuo potenziale cliente smetterà di seguirti.

Ecco un grande ERRORE da non fare… acquisire contatti non vuol dire necessariamente “conversione” in clienti, ma è più facile che i clienti siano propensi a diventare nuovamente clienti (di altre proposte) se il rapporto è costantemente coltivato.

Inutile dire quanto sia importante Facebook per il tuo business, perché ti sarai accorto o accorta, che Facebook è un ottimo canale per migliorare la tua relazione con l’utente, potenziale cliente.

ERRORE da non fare è sicuramente non avere un canale di comunicazione social, che sia alternativo al sito web e che ti metta in relazione diretta con il pubblico che ti segue. Solo tramite questo potrai stringere il legame e renderlo solido nel tempo.

ANCHE SE… non tutti i business richiedono la creazione di una pagina Facebook (talvolta è utile guardare ad altri canali social, quali YouTube, Twitter, Instagram, Pinterest, Linkedin, TikTok e via dicendo…). Sarà la strategia di Brand a definire il canale più efficace.

Tornando alla pagina aziendale Facebook, non ti serve sapere che dovrai allietare i tuoi Fan, creare dei post, cercare di catturare l’attenzione dei tuoi potenziali clienti e non ti basterà investire su campagne pubblicitarie per incrementare i Like, perché sono sostanzialmente INUTILI, infatti, potresti ritrovarti con migliaia di like e non ottenere neanche una conversione.

Perché?

Perché come in ogni rapporto che si rispetti, ciò che manca è il LEGAME AFFETTIVO… se esso manca, il Like rimane un numero e non la testimonianza della fiducia tra il pubblico e l’azienda.

Proprio per il motivo appena descritto è inutile invitare TUTTI a mettere MI PIACE alla pagina e se lo stai facendo, o qualcuno lo sta facendo per te… sta SBAGLIANDO.

Quindi, i numeri che contano sono le CONVERSIONI. Sei in grado di ottenerle investendo il tempo che hai a disposizione?

“Sì, in maniera sistematica e le conversioni continuano a crescere, mentre faccio l’imprenditore”

– Ti dico, di nuovo, “Complimenti!”

“Sì, ma non riesco a ottenere le conversioni necessarie e a portare avanti il business”

– Ti dico che così probabilmente stai perdendo tempo, perché? Non ti affidi e non ti fidi di uno specialista.

“Sì, ma mi sono affidato a uno specialista e non ha ottenuto le conversioni necessarie a portare avanti il business”

– Ti dico che probabilmente è stata impostata una strategia comunicativa errata, oppure il tuo specialista di fiducia può aver fatto alcuni di questi errori:

  • Sono state fatte troppe offerte che hanno svalutato il tuo servizio o il tuo prodotto (pensa ai prodotti Apple, di quanti sconti puoi usufruire per acquistarne? Pochi o nulla, perché la qualità e il BRAND sono i veri VALORI, quindi questi sono gli obiettivi comunicativi aziendali);
  • Probabilmente Facebook non è il canale giusto per la vendita dei tuoi prodotti (pensa se stai cercando un idraulico, lo cercherai su Facebook? Più probabilmente lo farai su Google…)
  • Sono state utilizzate le giuste immagini? Un’immagine con i capelli crespi può essere un ottimo contenuto per una pagina Facebook Parrucchiera Donna, ma non per il Parrucchiere Uomo, che più probabilmente è interessato al taglio di tendenza, o a come curare la barba. 
  • Sono stati inseriti tutti i contatti? Come faccio a trovare il ristorante se manca l’indirizzo?
  • Ogni post ha il suo obiettivo? Senza un’adeguata CTA (call to action) è improbabile tracciare e ottenere una CONVERSIONE da utente a potenziale cliente/cliente

Come già detto i social network servono per coltivare un rapporto di fiducia, per questo motivo è importante intervenire ed esporsi quando viene richiesto. Prendere una posizione e affermare i valori aziendali serve a definire e rendere sempre più forte la BRAND AWARENESS.

In conclusione è giusto che ti ponga delle domande sulla vera utilità delle azioni che si stanno svolgendo, anzi, questo tipo di analisi permette di trovare le lacune, colmarle e migliorare il processo di acquisizione dei clienti.

Ciò che conta però è evitare in tutti i modi ciò che SICURAMENTE non funziona e il supporto di uno specialista può fermarsi anche solo a uno sguardo da estraneo al progetto e se ti senti formato e in grado di portare avanti le attività senza dover impiegare risorse economiche per un tecnico operativo a tutto tondo, non fermarti e richiedi anche un breve supporto a chi ha sicuramente competenze più avanzate nel settore.

La FIDUCIA è il segreto che muove i rapporti, SEMPRE! Sia che tu voglia affidarti a un esperto, sia, soprattutto, che tu voglia acquisirla dai tuoi potenziali clienti.

Stay Tuned!


Condividi questo articolo!